Torna a Eventi FPA

partner

Ministero dell'Economia e delle Finanze

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) svolge le funzioni e i compiti spettanti allo Stato in materia di politica economica-finanziaria, di bilancio e di politica tributaria. Svolge, inoltre, tutte le attività dirette al coordinamento della spesa pubblica e verifica dei suoi andamenti, di programmazione degli investimenti pubblici, di controllo e vigilanza sulle gestioni finanziarie pubbliche, di gestione del debito pubblico e delle partecipazioni azionarie dello Stato.
Il Ministero nella gestione attiva della politica economica e finanziaria:
  • formula le linee di programmazione economica-finanziaria e coordina gli interventi di finanza pubblica considerati i vincoli di convergenza e di stabilità definiti dalla UE.
  • elabora le previsioni economiche e finanziarie e controlla gli andamenti generali delle spese e delle entrate;
  • predispone i conti finanziari ed economici delle amministrazioni pubbliche, gestisce le fasi del bilancio dello Stato e valuta gli effetti delle politiche e delle normative in materia economico-fiscale;
  • redige i documenti di finanza pubblica;
  • gestisce le partecipazioni azionarie dello Stato.
Il Ministero è articolato nei seguenti dipartimenti:
  • Dipartimento del Tesoro
  • Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato
  • Dipartimento delle Finanze
  • Dipartimento dell'Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi
Gli Uffici di Segreteria delle Commissioni Tributarie, regionali e provinciali, sono organi periferici del Ministero e il relativo personale dipende unitamente a quello degli Uffici di supporto al Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria, dal Dipartimento delle Finanze.
 
Le Ragionerie territoriali dello Stato sono organi locali del Ministero e dipendono organicamente e funzionalmente dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato.
 
Il Ministero, per le competenze in materia di politica tributaria, si avvale del supporto delle Agenzie Fiscali
(Agenzia delle Entrate, Agenzia del Demanio, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) che regolano il proprio
intervento sulla base di quanto stabilito in apposite Convenzioni.

E' partner di

martedì, 24 maggio 2016

11:00
12:15

Come cambia l’Italia dei Comuni? Da Opencivitas la fotografia del territorio: i fabbisogni standard e gli Opendata.[ws.69]

A partire dal 2010, SOSE è impegnata nel progetto Fabbisogni standard che ha permesso, attraverso l’analisi dei dati rilevati dai Comuni, di ottenere una fotografia delle amministrazioni locali, dei servizi erogati e, più in generale, della gestione delle risorse pubbliche.

La disponibilità del patrimonio informativo, il knowhow SOSE e l’utilizzo di tecnologie avanzate sono alla base del percorso evolutivo che ha caratterizzato OpenCivitas e ha rappresentato un passo verso l’ammodernamento degli enti locali a garanzia della trasparenza, della partecipazione dei cittadini e della responsabilità degli amministratori locali.

Oggi, con i dati 2013, è possibile cogliere i cambiamenti avvenuti e le dinamiche che hanno caratterizzato questi ultimi anni al fine di monitorare l’evoluzione del nostro paese.

martedì, 24 maggio 2016

12:30
13:30

Il procurement pubblico e gli strumenti di ottimizzazione degli acquisti per una migliore qualità della spesa in beni e servizi[ws.70]

Il ricorso a strumenti elettronici di acquisto, se sapientemente calibrato è un formidabile veicolo per una migliore qualità della spesa pubblica. Molto spesso si parla di “procurement”, ma ormai è imprescindibile trattare di “e-Procurement”. Il tema della “e” non è accessorio, non è informatizzazione a tutti i costi. Nell’ambito della diffusione di metodologie e buone pratiche di acquisto, lo strumento elettronico è fattore abilitante, permettendo non solo di portare il processo a una logica semplificata, ma attraverso le nuove tecnologie e, quindi, il processo dematerializzato, creare un complessivo valore in termini di efficacia, efficienza e trasparenza dell’azione amministrativa.

mercoledì, 25 maggio 2016

mercoledì, 25 maggio 2016

12:30
13:30

Come cambia l’Italia dei Comuni? Da Opencivitas la fotografia del territorio: i fabbisogni standard e gli Opendata.[ws.71]

A partire dal 2010, SOSE è impegnata nel progetto Fabbisogni standard che ha permesso, attraverso l’analisi dei dati rilevati dai Comuni, di ottenere una fotografia delle amministrazioni locali, dei servizi erogati e, più in generale, della gestione delle risorse pubbliche.

La disponibilità del patrimonio informativo, il knowhow SOSE e l’utilizzo di tecnologie avanzate sono alla base del percorso evolutivo che ha caratterizzato OpenCivitas e ha rappresentato un passo verso l’ammodernamento degli enti locali a garanzia della trasparenza, della partecipazione dei cittadini e della responsabilità degli amministratori locali.

Oggi, con i dati 2013, è possibile cogliere i cambiamenti avvenuti e le dinamiche che hanno caratterizzato questi ultimi anni al fine di monitorare l’evoluzione del nostro paese.

mercoledì, 25 maggio 2016

14:30
15:30

Il procurement pubblico e gli strumenti di ottimizzazione degli acquisti per una migliore qualità della spesa in beni e servizi[ws.72]

Il ricorso a strumenti elettronici di acquisto, se sapientemente calibrato è un formidabile veicolo per una migliore qualità della spesa pubblica. Molto spesso si parla di “procurement”, ma ormai è imprescindibile trattare di “e-Procurement”. Il tema della “e” non è accessorio, non è informatizzazione a tutti i costi. Nell’ambito della diffusione di metodologie e buone pratiche di acquisto, lo strumento elettronico è fattore abilitante, permettendo non solo di portare il processo a una logica semplificata, ma attraverso le nuove tecnologie e, quindi, il processo dematerializzato, creare un complessivo valore in termini di efficacia, efficienza e trasparenza dell’azione amministrativa.

giovedì, 26 maggio 2016

giovedì, 26 maggio 2016

11:00
12:15

Il procurement pubblico e gli strumenti di ottimizzazione degli acquisti per una migliore qualità della spesa in beni e servizi[ws.73]

Il ricorso a strumenti elettronici di acquisto, se sapientemente calibrato è un formidabile veicolo per una migliore qualità della spesa pubblica. Molto spesso si parla di “procurement”, ma ormai è imprescindibile trattare di “e-Procurement”. Il tema della “e” non è accessorio, non è informatizzazione a tutti i costi. Nell’ambito della diffusione di metodologie e buone pratiche di acquisto, lo strumento elettronico è fattore abilitante, permettendo non solo di portare il processo a una logica semplificata, ma attraverso le nuove tecnologie e, quindi, il processo dematerializzato, creare un complessivo valore in termini di efficacia, efficienza e trasparenza dell’azione amministrativa.

giovedì, 26 maggio 2016

12:30
13:30

Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche e sue prossime evoluzioni.[ws.81]

Presentazione della Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche (BDAP) come paradigma di integrazione e razionalizzazione delle fonti dati nonché di produzione di informazione di finanza pubblica:

-Quadro Normativo;

-Mission;

-Metodologia di progetto e fasi di realizzazione della Banca Dati;

-Organizzazione di progetto e quadro delle Aperture/Adesioni;

-Prossime evoluzioni previste ed implementazioni del patrimonio informatico (Open Data, Anagrafica Enti, Cruscotto).

Torna alla lista dei Partner